Pubblicità Infostrada in ascensore: sale fino in cima ai gradimenti

Rating 4.33 out of 5

 
Senza preoccuparsi di non essere capito questo spot prosegue senza nessun preambolo da dove ci avevano lasciato i precedenti spot Infostrada.

Sono abbastanza recenti e abbastanza ficcanti da essere ricordati senza problemi da tutti quelli che guardano la televisione, quindi questa nuova puntata degli spot può citarli a profusione senza bisogno di un aggancio per farlo.

I precedenti infatti sono stati spot molto carini, simpatici che hanno fatto dell’ironia e della presa in giro di certi personaggi costruiti il loro motitivo d’unione.

Carini, ma ancora nell’ordinario. Originali, ma non così tanto da creare il fenomeno di cui parlare. Simpatici, ma non da far ridere a crepapelle.

Ed allora se non è bastato prendere in giro gli stereotipi, Fiorello in questa nuova puntata prende in giro se stesso che prende in giro gli stereotipi. Un doppio carpiato riuscito benissimo.

Lo spot è divertente e non ci si stanca mai di vederlo.

Magari ad ogni passaggio ci si sofferma un po’ di più su quelli che non sono in primo piano, che reggono l’atmosfera burlonesca per tutta la durata.

Fiorello, o meglio Fiorello che fa la parte di Fiorello, viene assalito senza possibilità di riprendersi peggio che in una riunione di condominio .

In un passaparola travolgente viene traumatizzato ricordando tutte le battute migliori che ha usato nei precedenti spot.

Sono così giovane che …. il mio medico è un pediatra è fenomenale …  

Su queste battute, che potrebbero essere pescate in un pozzo senza fondo, avrebbero potuto scrivere decine e decine di spot senza stancarci.

I creativi di Infostrada hanno invece preferito raccogliere adesso i frutti di quel che hanno seminato, sterzare da un binario che poteva diventare ripetitivo e sfruttando esattamente le stesse battute, ma capovolgendole a sfavore dello sfortunato Fiorello, inventando subito un nuovo binario su cui costruire nuovi spot.

E questa volta si che hanno creato lo spot veramente divertente, che fa ridere, che fa parlare la gente e alimenta e nutre la pubblicità anche a televisione spenta.   (un po’ come fu con Falqui, basta la parola, da cui prende il nome questo blog).



300 x 250 jpg

Pubblicità Infostrada in ascensore: sale fino in cima ai gradimenti ultima modifica: 2011-01-21T22:25:07+00:00 da Salvatore-Admin

About Salvatore-Admin

Divido la mia vita in blog, dove informo i miei lettori e vengo informato dai miei lettori. Scrivo ciò che conosco, leggo quel che voglio conoscere. Leggi tutti i miei articoli su Blog da seguire

Hai visto lo spot ? Ti Piace ? Lascia un commento