Pubblicità Canone RAI 2013 forte e chiaro

Rating 1.67 out of 5

Questo è il miglior spot per il pagamento del canone televisivo di sempre.

Finalmente non ci si nasconde più dietro giri di parole, non si presta a dubbi, fraintendimenti ed interpretazioni.

Il canone per la televisione è una tassa. Le tasse si pagano. Si odiano, ma si pagano. Sono ingiuste, ma si pagano. Sono troppo alte, ma si pagano.

Sterili sono le tante proteste sul canone RAI . Chi inneggia all’evasione fiscale si nasconde dietro ragionamenti che poi ad analizzarli a fondo non reggono, ma che hanno tutte un unico fondo. In quest’Italia di tasse ed imposte varie c’è una sola tassa che si può impunemente evitare di pagare senza subire conseguenze, senza avere il fiato di Equitalia sul collo, perciò molti non pagano il canone RAI per avere una piccola rivincita contro tutte le altre tasse.

Perchè poi per chiedere il pagamento di una tassa lo Stato debba fare spot commerciali per invitare al pagamento rimane un’assurdità tutta italiana. Non ho visto spot per pagare l’IMU, costa molto di più ed è molto più ingiusta, eppure tutti hanno pagato .

Per fortuna però è finalmente finita l’era degli spot celebrativi della televisione o del canone=cane gigante, che erano davvero una tristezza,

Finalmente uno spot chiaro ed informativo, che spiega perchè e come pagare la tassa.

Il canone tv è dovuto dal nucleo familiare che possiede un televisore.

Se hai un televisore devi pagare, anche se lo tieni spento, se non  guardi mai la RAI, se vedi solo pay tv.

Lo spot è molto più efficace in radio, mentre in tv hanno ceduto alla tentazione di accompagnare il messaggio serio accostando delle immagini ironiche.

Avrei preferito uno spot molto più istituzionale e formale, anche se le immagini proposte sono azzeccate e divertenti.

Comunque se non si è proprio in malafede questo spot risponde quasi a tutti quelli che non pagano il canone RAI per le più infondate motivazioni. Ci sarebbe solo da aggiungere che il canone per la televisione si paga in tutta Europa e che in Italia è tra i più bassi.

Chi non paga il canone RAI è un evasore fiscale. Ed in Italia non ne possiamo più degli evasori fiscali, neanche dei piccoli evasori.




Pubblicità Canone RAI 2013 forte e chiaro ultima modifica: 2013-01-25T18:40:48+00:00 da Salvatore-Admin

About Salvatore-Admin

Divido la mia vita in blog, dove informo i miei lettori e vengo informato dai miei lettori. Scrivo ciò che conosco, leggo quel che voglio conoscere. Leggi tutti i miei articoli su Blog da seguire

4 thoughts on “Pubblicità Canone RAI 2013 forte e chiaro

  1. ciaoriciao

    Eh no

    Errore Rai: per la vasca dei pesci non si paga il canone TV
    29.01.13
    Hai pagato il canone TV? O stai per pagarlo? Fa’ attenzione: checché ne dica la pubblicità che ci scassa continuamente da tutti i canali del servizio pubblico, non devi pagare per la vasca dei pesci, il distributore di gomme americane, i vasi da fiori e altri oggetti di casa.
    Dice la legge: “Chiunque detenga uno o più apparecchi atti od adattabili alla ricezione delle radioaudizioni è obbligato al pagamento del canone di abbonamento”. Si tratta del Regio decreto-legge 21 febbraio 1938, n. 246, ancora in vigore nonostante la veneranda età.
    Ma che significa “apparecchi atti o adattabili alla ricezione”? Ce lo spiega con dovizia di particolari il Ministero dello sviluppo economico con una lettera di chiarimenti all’Agenzia delle entrate (notare gli antichi svolazzi dell’intestazione). Dalla quale si deduce che il canone non è dovuto per apparecchi che non sono adattabili alla ricezione, come appunto una vasca per i pesci rossi.
    Questo significa che non deve pagare chi tenga solo, come soprammobile o vaso per fiori, un vecchio televisore analogico, senza un decoder per ricevere il digitale terrestre o il satellite. E’ il possesso di uno di questi apparecchi che costituisce il presupposto dell’obbligo di pagare il canone.
    Resta la curiosità di sapere a chi sia venuta in mente l’idea di questo spot demenziale.

    http://www.mcreporter.info/blog/blog.htm#vasca

    e se vengono gli do un “bel decoder” da 6 euro da portarsi via e mi tengo “l’acquario”

    Se volete far pagare una tassa riscrivetevi la legge del 21 febbraio 1938 in modo applicabile, senno Vi beccate un bel decoderino rotto ad ogni visita….

  2. Salvatore-Admin Post author

    Non credo che tu non abbia capito l’ironia dello spot .
    Certo che non si paga se usi la tv come acquario. Negli anni ’70 al mio paese andava molto di moda farci il presepe dentro la tv, ma a quel punto non è più un televisore.
    Certo, hai capito l’ironia dello spot, ma come tutti quelli che non vogliono pagare il canone accampi scuse che non reggono per giustificarti. E’ proprio su questo che ironizza la pubblicità.
    Se hai un televisore (e si intende che tu possa riceverci i programmi televisivi via etere) devi pagare il canone. Contro le polemiche che si scatenano ogni anno l’Agenzia delle Entrate ha ribadito ancora una volta che il canone non si paga su pc e tablet, anche se si vede la RAI in streaming.
    Si deve pagare solo quello che è previsto.
    Se hai un televisore in casa con cui guardi trasmissioni televisive, devi pagare il canone. Se non lo paghi sei un evasore fiscale.
    Purtroppo molti si sentono liberi di evadere perchè per lo Stato è difficile fare l’esattore, basta chiudere la porta in faccia a chi ti viene a chiedere il canone. MA questo non è un buon motivo per evadere le tasse.
    Se la legge non ti piace, datti da fare. Organizza raccolta di firme, scrivi a qualche politico, apri un blog e protesta . MA intanto paga, fino a che avrai anche un solo televisore in casa.
    P.S. Dove li trovo i decoder a 6 euro ? qui costano almento 30 euro.

  3. ciaoriciao

    Io mi devo dare da fare ?
    Devo riscrivegli la legge del 1938 ?
    Una legge per cui la detenzione di un oggetto da 30 euro mi costa più di 100
    all’anno?!?!?
    Vengano pure tutti gli anni, porta aperta, la legge attuale prevede la
    consegna dell’apparato,
    io la rispetto e consegno l’apparato.
    Legge rispettata -> nessuna evasione.
    E magari i 70 euro risparmiati invece di darli a Fabio Bonetti detto Volo li
    diamo a chi ha bisogno.

    Non è questione di ironia, la legge è pessima e la pubblicità non chiarisce
    nulla, tipo:

    perché se ho la seconda casa pago 2 volte il canone ?
    perché se ho 10 televisori in una casa pago UN canone ?
    perché se sono ricco e vedo in streaming con un apparato da 700 euro non pago
    niente?
    Perché se sono ricco e ho un TV o un videoproiettore da 5000 euro pago come la
    vecchietta che ha un decoderino da 30 euro?
    Perché non ci sono profili e pacchetti dove possa scegliere cosa vedere e
    quanto pagare?
    Perché per vedere SKY in una TV devo pagare la RAI?
    Perché per vedere i canali satellitari stranieri FREE in una TV devo pagare la
    RAI?
    Perché con l’aumento delle ore di pubblicità il canone non è diminuito, ma è
    sempre aumentato?
    Perché se in una casa abita una persona o 1000 pago UN canone?

    A proposito di leggi assurde, cosa fai quando inviti un amico a casa, quindi
    escluso dalla “cerchia ordinaria della famiglia”:
    non guardate la TV e non ascoltate musica oppure PAGATE LA SIAE oltre al
    canone RAI?

    e questo e un decoder di lusso a 15 euro:

    http://www.electronic.it/product/39960/Decoder-Digitale-Terrestre.html

    Ciaoriciao!

  4. Salvatore-Admin Post author

    Se hai la seconda casa paghi UN solo canone.
    Se consegni un decoder, ma ne hai un altro in casa secondo legge e secondo logica devi pagare il canone.

    Puoi ritenere la legge ingiusta, anche se il canone esiste in tutta europa ed in Italia è tra i più bassi, ma va rispettata.
    Non puoi scegliere quali leggi rispettare e quali no .
    Allora perchè paghi il bollo auto ? O le tasse di possesso della casa (IMU) ? O il canone telefonico ?
    Quello che realmente si può fare contro leggi ritenute ingiuste e lottare per cambiarle … anche se chi ci ha provato contro il canone televisivo non ci è mai riuscito.

    Comunque non siamo su un sito a tema fiscale. L’articolo riguarda lo spot . Secondo me dopo tanto tempo il richiamo al pagamento del canone usa le parole giuste senza ingannare il telespettatore.

Hai visto lo spot ? Ti Piace ? Lascia un commento