Pubblicità Danone: Danio Snack contro Famelik

Rating 3.00 out of 5


Se dovessi descrivere  il senso di fame che arriva all’improvviso, che parole useresti? Fastidioso, pungente, improvviso?

Se dovessi disegnarlo che immagini useresti? astratte o concrete? Spigolose o rotondeggianti?

Danone per dare un’immagine al senso di fame  ha creato uno spiritello giallo, dal sorriso cattivello e dalla presenza invadente. Famelik rappresenta il senso di fame improvviso, quello che ti distoglie dai buoni propositi di una dieta sana ed equilibrata, la voglia di mangiare che ti assale, sorprendendoti quando meno te lo aspetti!.

Famelik non è poi così cattivo come sembra, basta prenderlo nel modo giusto. Per sparire gli basta poco, uno spuntino, un intermezzo che allontani la voglia di anticipare il pasto principale, come  Danio Snack.

Danio Snack di Danone è uno yogurt colato, diverso dagli yogurt tradizionali a cui siamo abituati. In 4 gusti diversi (Bianco, Fragola, Mirtillo e Pesca) ha una consistenza più densa che nasconde  un letto di frutta in pezzi sul fondo del vasetto,  il mix ideale che ci vuole per allontanare Famelik!

Inoltre è un prodotto con basso contenuto di grassi e un alto quantitativo di proteine.

Vi piace Il personaggio di Famelik?Pensate che possa rappresentare bene quel senso di fame che vi prende a metà pomeriggio, da combattere con uno snack ? Può diventare un personaggio virale, dalle mille avventure, che impersoni a modo suo i più grandi cattivi della storia cinematografica?

 

Articolo Sponsorizzato

Pubblicità Danone. Tanti Auguri con il concorso

Rating 3.20 out of 5

La Carrà è sempre una garanzia di professionalità . In questo spot dove ogni testimonial appare in forma, Raffaella sovrasta tutti con la sua semplice credibilità .

E’ uno spot autoreferenziale, un po’ particolare visto che invece che promuovere direttamente il prodotto pubblicizza il concorsone legato a tutti i prodotti Danone, coinvolgendo il testimonial di ogni singolo articolo .

Ed è già abbastanza curioso vederli tutti insieme, visto che con l’occhio ormai desinsibilizzato con cui guardiamo la pubblicità, non so quanto avessimo legato ogni testimonial al prodotto e ogni prodotto ad un unico grande marchio.

Continua a leggere …