Pubblicità progresso contro il fumo: Chi fuma è scemo

Rating 4.00 out of 5


Chi fuma è scemo è la nuova campagna nazionale del Ministero della Salute contro il tabagismo.

Purtroppo come anche le campagne contro la droga, anche questa contro il fumo sarà poco efficace, per quanto si sia cercato di fare qualcosa di originale e diretto .

Purtroppo chi fuma e chi fa uso di droghe non apprezza mai queste comunicazioni di pubblicità sociale . Sono troppo convinti della loro superiorità nel capire ed affrontare la droga (tabacco compreso), autoconvinti che non fa male, che smetto quando voglio, che lo fanno tutti, che a me non succede nulla .

Ai fumatori non piacerà sentirsi dare dello scemo, a tutti gli altri apparirà come una cosa ovvia . Continua a leggere …

Pubblicità Progresso: parassiti fiscali e servizi efficienti

Rating 4.00 out of 5

Lo scopo della pubblicità è mostrare che si può soddisfare un bisogno o anche creare il bisogno con il prodotto o servizio che si sta pubblicizzando.

In genere la pubblicità ha come scopo finale vendere il prodotto.

Nella pubblicità sociale non si vende un prodotto, ma si vuole istruire od indurre un comportamento corretto sia a livello personale che come membro della comunità.

Però anche nella pubblicità sociale (o pubblicità progresso come viene spesso chiamata) ci deve essere un bisogno da soddisfare, o più spesso un problema da risolvere, altrimenti il messaggio non ha un destinatario a cui rivolgersi.

Il Ministero dell’economia e delle Finanze e l’Agenzia delle Entrate hanno lanciato due messaggi pubblicitari molto diversi tra loro per combattere il fenomeno dell’evasione fiscale.
Continua a leggere …

Nella Magnifica Italia i beni Unesco vengono decuplicati

Rating 3.00 out of 5

Prima di tutto sono contento che siano passati dal “Magic Italy” del 2010 al più italiano e corretto “Magica Italia” del 2011 nel nome dello spot, anche se poi nel testo si dice un più terreno magnifica Italia.

Se come dichiarato dal Ministro Brambilla questi spot sono dedicati in particolar modo ai turisti italiani non si capiva infatti il precedente anglicismo.

Lo spot punta sul valore dei beni storici e sulla cultura. Questa volta non siamo più il paese del mare e del sole, pregi per cui possiamo ritenerci fortunati ma che non sono prettamente opera nostra.

Monumenti ed opere d’arte sono invece nostro patrimonio, lascito di illustri italiani, mantenuti a fatica dalla nostra cultura, ma comunque mantenuti.

Peccato per il piccolo grande inciampo sulla percentuale, su cui però non deve pesare il giudizio per lo spot, ne tantomeno per chi lo interpreta.

Continua a leggere …

Pubblicità progresso: Spot contro la droga 2011

Rating 2.89 out of 5

Bello e fatto bene !

Lo spot sociale contro la droga è ormai un appuntamento annuale, di grande importanza, ma che spesso cade presto nell’anonimato.

Molto spesso questi spot sono criticati per non saper usare il linguaggio giusto, perchè non arrivano ai giovani, pensando che ai ragazzi si debba parlare con un linguaggio limitato, esclusivo, enigmatico, codificato come se non fossero persone come tutte le altre.

Il problema semmai non è nel linguaggio scritto e parlato (i ragazzi sono abbastanza intelligenti da capire anche se non si abusa del loro gergo) quanto il riuscire a catturare l’attenzione fino alla fine del messaggio, e questo è più difficile.

Continua a leggere …

Pubblicità Progresso guida sicura: Uno spot sulla buona strada

Rating 4.00 out of 5

Gigi Proietti è un attore istrionico, di vecchia scuola, di vecchio stampo di cui spesso si dice ‘com’ è bravo’ senza troppa convinzione. Non che non sia bravo, ma pur riconoscendogli tutte le sue qualità di attore, non è il primo nome che ti viene quando vuoi citare un attore bravo.

Magari un po’ troppo romano, magari un po’ troppo legato al suo essere Gigi Proietti per cui i suoi personaggi non sono mai reali ma personaggi recitati da Gigi.
Un po’ un’imitazione di se stesso.

Mandrake è un famoso personaggio dell’altrettanto famoso film ‘Febbre da cavallo‘ (1976). O comunque è uno di quei film apprezzati dagli amanti dei film cult, ma che forse questa volta meriterebbe un po’ più di riconoscimento anche al di fuori di questa cerchia.

Continua a leggere …